LABEL


Un giorno di fine dicembre del 2011 – spero fosse martedì – Amalia mi chiese se volessi fare il musicista, ed io le risposi che no, volevo fare il produttore.

“Spaccate tutto. Nella terminologia della rete queste parole dovrebbero esortare a dare il massimo, a dimostrare chi si è veramente agli altri.
Ma c’è un errore generazionale.
Quelli che spaccavano tutto, sfasciavano strumenti, camere d’albergo e infine le proprie vite, avevano il bisogno di distruggere tutte le sovrastrutture ereditate da una società ferma su se stessa mentre il mondo cresceva troppo velocemente.
La nostra generazione ormai non ha più niente da distruggere.
In dote c’hanno lasciato il vuoto. Abbiamo un’altra necessità, anzi un dovere: costruire un presente per noi e un futuro per i prossimi.
La Tippin the Velvet cerca di farlo attraverso la musica, attraverso la produzione di artisti che cercano un modo per esprimersi.
Edifichiamo la nuova società sulla cultura, negli spazi dove nasce, e dove è libera di crescere senza ostacoli.
Costruiamo tutto.”

Finchè Major non ci separi.